Sinistri

Incidente Auto

auto

Il primo e più importante passo per una corretta gestione del sinistro è la denuncia: la compagnia deve essere informata entro 3 giorni  dall’avvenuto sinistro.

Ti ricordiamo che la denuncia va presentata anche nel caso in cui tu ritenga di avere torto, non intenda chiedere un risarcimento dei danni (anche parziale) ed anche quando non hai subito alcun danno.

Ti ricordiamo che è molto importante completare il modulo BLU (constatazione amichevole di sinistro). Le firme di entrambe le parti sul modulo, favoriscono una più veloce liquidazione del danno evitando contestazioni sulla responsabilità.

Anche qualora l’altro guidatore non voglia o non possa sottoscrivere il modulo è estremamente utile compilarlo nel modo più completo possibile.

Con le nuove norme sul risarcimento diretto, spetta all’assicurato l’onere di avvertire la propria compagnia, anche nel caso in cui si sia convinti di non avere alcuna colpa sulle circostanze del sinistro. Se si inoltra la richiesta di risarcimento diretto alla compagnia, e questa accerta che non sussistono le condizioni per avvalersi del risarcimento diretto, provvederà poi ad informare il danneggiato, che avrà però tempo per contattare l’altra compagnia assicurativa interessata al sinistro.

Ripristino della classe di merito

Se desideri saperne di più sul ripristino della classe di merito, sul sito CONSAP http://www.consap.it/fondi-e-attivita/mondo-assicurativo/rimborso-del-sinistro troverai tutte le informazioni utili per mantenere la tua classe di merito. 

 

Danni alla casa

casa

 Nel corso dell’evento dannoso fai quanto possibile per contenere o limitare il danno e salvare le cose assicurate. La tua vita e quella dei tuoi cari sono il bene più importante, ma una volta messe in sicurezza le persone e senza correre pericoli, cerca di salvare anche i beni assicurati o di limitare i danni.

Per una corretta gestione del sinistro per i danni alla casa segui i seguenti passi:

·         avvisa l’Agenzia o la subagenzia dove hai acquistato la polizza.   L’avviso deve essere effettuato in modo scritto entro 3 giorni da quando si è registrato il danno.

·         nei casi previsti dalla legge, sporgi denuncia scritta alla Pubblica Autorità competente, indicando in modo preciso come sia successo e l’importo approssimativo del danno. Porta poi una copia della denuncia all’Agente o al subagente

·         conserva le tracce ed i residui causati dal sinistro per un periodo di almeno 30 giorni dalla data dell’evento. Se modifichi la scena del danno rendi più complicato o anche impossibile valutare l’entità del danno

·         fai un elenco dei danni subiti indicando qualità, quantità e valore delle cose perdute o danneggiate. Tieni anche a disposizione registri, conti, fatture o qualsiasi documentazione probatoria che possano essere richiesti da Aviva o dai Periti ai fini delle loro indagini e verifiche. Più sarai preciso, più semplice e veloce sarà la valutazione del danno

Per una più veloce gestione del tuo sinistro ricordati di indicare un numero di telefono – preferibilmente un cellulare – o un’e-mail così da poterti contattare per l’eventuale completamento delle informazioni.

 

 

Infortuni e  malattia

infortuni

Per una corretta gestione del sinistro segui i seguenti passi

·         Avvisa l’Agenzia o la subagenzia dove hai acquistato la polizza. L’avviso deve essere effettuato in forma scritta entro 3 giorni da quando è avvenuto l’infortunio o è insorta la malattia. In caso di infortunio la denuncia deve contenere la descrizione precisa del fatto, la data, il luogo, le cause e le conseguenze del fatto stesso, le generalità e l’indirizzo delle persone interessate e degli eventuali testimoni.

·         Allega alla denuncia il certificato medico attestante la malattia o l’infortunio, la richiesta di visite, di esami diagnostici, di ricovero, di day hospital o di intervento chirurgico; referti medici e ogni altra documentazione sanitaria giustificativa (risultati diagnostici, cartella clinica, ecc.)

·         Per ottenere il rimborso delle spese sostenute, allega alla denuncia anche i documenti validi fiscalmente (ad es. fatture, notule, distinte e ricevute, tutte debitamente quietanzate) che certificano le spese sostenute